Cambiamenti funzionali del cervello della donna in gravidanza: salienza degli stimoli sociali e sviluppo del bambino nella prima infanzia.

Prof.ssa Simonelli (responsabile) e dott. De Carli   

La gravidanza comporta numerosi cambiamenti nella donna, che si deve preparare ad accogliere il feto e a proteggerlo. Queste modificazioni avvengono principalmente a livello corporeo, ma sono anche psicologiche e comportamentali. Gli studi più recenti mostrano come tra prima e dopo la gravidanza ci siano delle differenze in alcune aree cerebrali associate alla comprensione degli stimoli di tipo sociale. Il nostro gruppo di ricerca è interessato a studiare questi cambiamenti a un livello funzionale nel cervello in diverse fasi della gravidanza e a comprendere se questi cambiamenti sono predittivi dello sviluppo del bambino dalla nascita fino ai 18 mesi di vita. Per questo motivo, utilizziamo delle tecniche di analisi comportamentali e neurofisiologiche sia nella donna che nel bambino per considerare il ruolo della transizione alla maternità nel comprendere diversi outcome del bambino. In particolare siamo interessati alla risposta neurofisiologica agli stimoli emotivi del bambino e quale ruolo questa giochi nello sviluppo della sua capacità di regolare lo stress socio-emotivo.